I ricercatori dell’Università di York affermano che il modo in cui parliamo ai nostri amici cani è un elemento chiave per costruire relazioni tra animale domestico e proprietario.

La ricerca dell’Università di York ha testato che parlare con voce acuta, piena di emozione, coinvolge non solo i cuccioli ma anche i cani adulti. I loro risultati suggeriscono che l’uso di questo “dog-speak” può anche aiutare a migliorare l’attenzione e aiuta a rafforzare il legame tra proprietario e animale domestico.

cani
I nostri amici cani. Photo credit:Eric Ward by unsplash.com

Questo discorso ritmico acuto è ampiamente usato nelle interazioni uomo-cane nelle culture occidentali, ma in realtà non sappiamo se è un bene per il cane. Quindi, il team ha cercato di scoprire se il tipo e il contenuto della conversazione contribuiscono a promuovere il legame sociale tra gli animali domestici e i loro proprietari umani.

I test sono stati eseguiti con cani adulti. Ogni animale ha ascoltato per prima una persona che ha usato il “dog-speak” (la voce acuta) usando frasi come “sei un buon cane” o “vuoi andare a fare una passeggiata?”. Poi ha ascoltato un’altra persona che ha usato un linguaggio più adulto con frasi non legati direttamente al cane – frasi come “Sono andato al cinema ieri sera”, per esempio. L’attenzione di ogni cane durante questi “colloqui” è stata misurata. A seguito della fase orale, a ciascun cane è stato permesso di scegliere una delle due persone con cui interagire fisicamente.

I cani erano molto più propensi a voler interagire e passare il tempo con coloro che usavano un linguaggio “dog-speak” che conteneva frasi correlate al cane. Ma il team ha anche eseguito una sorta di prova di controllo, intesa a dare loro un’idea di quali elementi del linguaggio piacessero ai cani: era il tono acuto e emotivo o le parole stesse? Durante questa fase, gli oratori sono stati invitati a mescolare il “dog-speak” con le parole non correlate al cane e il “linguaggio adulto” con le parole correlate al cane.

“Quando abbiamo mescolato i due tipi di discorso e contenuto, i cani non hanno mostrato preferenze per un oratore rispetto all’altro”, dice Alex Benjamin, studente di dottorato presso il dipartimento di psicologia, coautore di carta. “Questo suggerisce che i cani adulti hanno bisogno di sentire le parole rilevanti per il cane pronunciate in una voce emotiva acuta, al fine di trovarle rilevanti”. “Ci auguriamo che questa ricerca sia utile per i proprietari di animali domestici che interagiscono con i loro cani, e anche per i veterinari e i soccorritori”.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome