Un dato preoccupante riguarda quello degli insetti, quasi la metà di tutte le specie di insetti del mondo è in declino, e un terzo è già in pericolo. Questo provocherà conseguenze catastrofiche per gli ecosistemi e per la sopravvivenza stessa dell’umanità.

Ecosistemi in pericolo

Il tasso di estinzione tra le loro specie è otto volte più veloce di quello di mammiferi, uccelli o rettili. Anno dopo anno muore circa il 2,5 % degli insetti, oltre un terzo è in pericolo. Queste conclusioni provengono da un enorme studio metamorfico che esamina lo stato delle specie di insetti in tutto il mondo.

“Se le perdite di specie di insetti non verranno essere fermate, ciò avrà conseguenze catastrofiche sia per gli ecosistemi del pianeta che per la sopravvivenza dell’umanità”, ha detto Francisco Sánchez-Bayo, dell’Università di Sydney, Australia, corrispondente autore del meta-studio.

scomparsa degli insetti
Marko Blažević by unsplash.com

Sánchez-Bayo ha collaborato con Kris Wyckhuys alla China Academy of Agricultural Sciences di Pechino. La ricerca è stata stimolata da recenti segnalazioni di crolli di popolazione di insetti in Germania e Portorico, che dipingono un quadro drammatico. Gli insetti sono essenziali per il buon funzionamento degli ecosistemi, servono come cibo, impollinatori e riciclatori di sostanze nutritive. Il loro valore nella natura può essere visto nella grande varietà e quantità che le specie di insetti hanno raggiunto. Sono di gran lunga gli animali più vari e abbondanti, superando l’umanità di circa 17 volte.

Il team ha analizzato 73 studi sul declino degli insetti eseguiti in tutto il mondo. La maggior parte di questi è stata eseguita nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti. Alcuni hanno esaminato aree che vanno dall’Australia alla Cina e dal Brasile al Sud Africa, ma poche hanno trattato altre aree. In conclusione, i dati sono negativi ovunque. La tendenza di molti insetti conferma il sesto evento di estinzione di forme di vita sul pianeta. “A meno che non cambiamo i nostri modi di produrre cibo, gli insetti nel loro insieme percorreranno il sentiero dell’estinzione in pochi decenni“. scrive il team “Le ripercussioni che questo avrà per gli ecosistemi del pianeta sono a dir poco catastrofiche”.

Gli ordini di lepidotteri, imenotteri e coleotteri sono i gruppi più colpiti. Uno degli studi inclusi nell’analisi mostra che il numero di specie di farfalle diffuse nei terreni agricoli nel Regno Unito è diminuito del 58% tra il 2000 e il 2009. Anche le api sono in difficoltà: l’Oklahoma ha perso metà delle sue specie di calabrone tra il 1949 e il 2013. Il numero di colonie di api negli Stati Uniti era di 6 milioni nel 1947, ma da allora ne sono andati persi 3,5 milioni. Anche le specie di coleottero sono in declino, specialmente gli scarabei stercorari.

L’agricoltura intensiva, in particolare a causa dell’uso massiccio di pesticidi, è il principale colpevole. Anche l’urbanizzazione e il cambiamento climatico, che stanno distruggendo gli habitat di queste specie e la sicurezza alimentare, sono fattori importanti. Complessivamente, il tasso annuale di perdita di specie di insetti negli ultimi 25-30 anni è in media del 2,5%, una cifra che Sánchez-Bayo ha detto al Guardian è “scioccante”. “È molto rapido. Tra 10 anni avrai un quarto in meno, tra 50 anni a metà sinistra e tra 100 anni non ne avrai”.”La causa principale del declino è l’intensificazione agricola”, aggiunge. “Ciò significa l’eliminazione di tutti gli alberi e arbusti che circondano normalmente i campi, quindi ci sono campi semplici e nudi che vengono trattati con fertilizzanti sintetici e pesticidi”. Dove non c’è l’agricoltura intensiva a creare danni ci penano i cambiamenti climatici come per esempio nei tropici dove l’agricoltura industriale non è ancora ben stabilita.

I dati sono molto preoccupanti e il team di ricerca ha voluto sottolineare questo fatto per far prendere coscienza le persone della situazione gravissima.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.