Un nuovo studio afferma che gli animali riescono a tenere traccia del tempo grazie a delle particolari cellule del cervello che funzionano come un orologio interno.

Anche se sembra abbastanza plausibile che gli animali abbiano un orologio interno, le prove in questa direzione sono state molto scarse. Ora, un nuovo studio della Northwestern University ha fornito prove più chiare riguardo alla teoria che gli animali riescono a tenere traccia del tempo, questione che fino ad ora non aveva grandi certezze.
Daniel Dombeck, autore della ricerca, insieme ai suoi colleghi si è concentrato su un’area chiamata corteccia entorinale mediale, un’area nota per avere un ruolo nella memoria e nella navigazione e che quindi sembra avere importanza anche per la codifica del tempo.

animale sa tenere traccia del tempo
Paul Hanaoka by unsplash.com

“Ogni ricordo è un po’ diverso”, ha detto James Heys, collaboratore della ricerca del Dombeck. “Ma ci sono due caratteristiche principali di tutti i ricordi episodici: spazio e tempo. Accadono sempre in un ambiente particolare e sono sempre strutturati nel tempo. “

Il team ha condotto un esperimento in cui ad un topo è stato insegnato a muoversi in un ambiente di realtà virtuale mentre correva su un tapis roulant. Nell’ambiente virtuale, il topo ha risalito un corridoio che aveva una porta a circa metà strada. Dopo esattamente sei secondi, la porta si apriva permettendo al mouse di ricevere una ricompensa.
Quando i topi avevano raggiunto familiarità con l’ambiente, i ricercatori hanno reso la porta invisibile. I topi, che avevano già imparato a muoversi nell’ambiente, ricordavano dove era stata sistemata la porta e di dover aspettare sei secondi prima che si aprisse.
“Il punto importante qui è che il topo non sa quando la porta è aperta o chiusa perché è invisibile”, ha detto Heys. “L’unico modo in cui può risolvere questo compito in modo efficiente è usare il senso del tempo interno del suo cervello.”
“Mentre gli animali corrono lungo la pista e arrivano alla porta invisibile, vediamo le cellule che attivano quella codifica spaziale di controllo”, ha detto Dombeck. “Poi, quando l’animale si ferma sulla porta, vediamo quelle cellule spente e un nuovo gruppo di cellule si accende. Questa è stata una grande sorpresa e una nuova scoperta. ” Questo significa che le cellule sono attive durante il riposo e che codificano anche per quanto tempo l’animale si è riposato.

Le implicazioni di questo studio sono davvero piuttosto profonde. Non solo conferma una teoria di vecchia data, che gli animali possono misurare il passare del tempo, ma può aiutarci a capire meglio i nostri amici animali e persino insegnarci molto sulla natura del cervello animale.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.