Una strana tartaruga è stata identificata qualche giorno fa sul Lago di Garda. Ma di chi stiamo parlando?

‘La Tartaruga Guscio Molle’

Il suo nome è Pelodiscus sinensis, comunemente denominata ‘la tartaruga guscio molle cinese’, originaria della Cina orientale e Vietnam settentrionale. Il suo habitat è caratterizzato da pozze temporanee, laghi, fiumi e canali, dai fondali ricchi di vegetazione, fondali fangosi o sabbiosi.

E’ in grado di rimanere immersa nella sabbia o fango, respirando tenendo fuori dall’acqua il lungo muso. Utilizza questa tecnica per respirare e catturare le prede. Principalmente carnivora, si ciba di crostacei, molluschi, insetti, pesci e anfibi.

In natura riesce a cacciare alborelle, carassi, piccole carpe, piccole trote, pesci gatto, lombrichi, insetti e le loro larve, piccoli anfibi. In cattività può cibarsi anche di carni bianche, gamberetti e pesci decongelati.

La tartaruga guscio molle cinese è inserita dalla IUCN ‘International Union for the Conservation of Nature’ nella lista rossa come specie vulnerabile di estinzione. Purtroppo viene utilizzata a scopo alimentare, con le sue carni viene preparato il brodo. Oltretutto è molto diffusa tra i terraristi.

L’importanza economica di questa specie ha fatto sì che sia stata introdotta in molti paesi.

tartaruga cinese
Tartaruga guscio molle (parconaturaviva.it)

Come mai questa tartaruga si trovava nel lago di Garda?

Il direttore scientifico del Parco Natura Viva, sostiene :

“Quella tartaruga è finita nel Lago di Garda perché qualcuno l’ha acquistata e poi l’ha abbandonata illegalmente senza curarsi del fatto che inserire una specie estranea nel nostro ecosistema, significa alterarlo con conseguenze molto pericolose… Per tutta la fauna acquatica di questo territorio, che già si trova in un equilibrio fragile toccato da una forte presenza dell’uomo”.

Aggiunge:“Non acquistate animali esotici. Ma se lo fate, sappiate che abbandonarli equivale ad uno dei peggiori crimini che possono essere commessi a danno della natura”.

La tartaruga guscio molle cinese, dopo il suo avvistamento è stata catturata dalla Lipu e tramite i Carabinieri Forestali del Nucleo Cites, affidata al Parco Natura Viva di Bussolengo in provincia di Verona.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.