Gli esseri umani al giorno d’oggi vivono molto più a lungo rispetto ai nostri antenati. La vita media attualmente è di circa 75-78 anni, con un limite massimo (molto raro da raggiungere) intorno ai 120 anni. Nel regno animale, invece, esistono degli organismi che conoscono il segreto dell’immortalità. Vediamo quali sono i 5 animali più longevi del pianeta e quanti anni vivono in media.

Animali più longevi del pianeta: la medusa immortale

La Turritopsis nutricula, chiamata anche medusa immortale, è una piccola idromedusa, dalle dimensioni inferiori ai 5 mm, originaria dei Caraibi è oggi diffusa in tutto il mondo. La particolarità di questo animale è la capacità di invertire il proprio ciclo biologico, sfuggendo così alla morte. In che modo? Si sviluppa in due stadi: nel primo è simile ad un piccolo polipo, dotato di tentacoli utili alla caccia, nel secondo si trasforma in medusa, sviluppando ulteriori tentacoli, passando da dieci ad ottanta.

Dopo essersi riprodotta non muore, ma scende sul fondale del mare e torna allo stadio giovanile da cui si era sviluppata. Questo, secondo gli scienziati, accade a causa del fenomeno conosciuto come “transdifferenziamento”. Questo processo è parzialmente presente anche in altri animali, come tritoni e lucertole in grado di rigenerare alcune parti del loro corpo.

Animali più longevi del pianeta: lo squalo della Groenlandia

Il vertebrato più longevo del pianeta, con oltre 400 anni di età è il Somniosus microcephalus, lo squalo della Groenlandia. Uno studio, condotto su 28 esemplari e pubblicato su Science ha stabilito che questi squali, che raggiungono i 5 m di lunghezza, crescono appena 1 cm l’anno e raggiungono la maturità sessuale soltanto all’età di 150 anni. Ed il segreto della loro longevità sembrerebbe essere proprio il loro lento processo di crescita.

Animali più longevi del pianeta: la tartaruga gigante

La tartaruga gigante è tra le più grandi tartarughe del pianeta, con una lunghezza che può arrivare a 120 cm ed un peso che può raggiungere i 250 kg. Considerata tra gli animali più longevi della terra, la tartaruga gigante può vivere mediamente tra i 100 e i 130 anni. Soltanto in casi eccezionali possono arrivare anche a vivere 250 anni, come ad esempio l’esemplare maschio di tartaruga gigante morto nello zoo di Calcutta in India nel 2006.

animali più longevi del pianeta
la tartaruga gigante può vivere mediamente tra i 100 e i 130 anni (free photos by pixabay.com)

Animali più longevi del pianeta: la spugna di mare

Anche se molte persone continuano a credere che siano delle piante, le spugne di mare sono animali primitivi davvero affascinanti, esistevano già 540 milioni di anni fa. Sono presenti in tutti gli oceani perché sono animali resistenti, capaci di tollerare temperature anche molto fredde e di vivere anche a profondità di 5.000 m. Lasciando da parte le meduse immortali, la spugna di mare sono considerate tra gli animali più longevi del mondo in quanto alcune hanno superato i 10.000 anni di vita. Possono vivere così a lungo perché crescono lentamente e vivono in un ambiente per loro favorevole, ovvero l’acqua fredda.

Animali più longevi del pianeta: il pesce specchio

Anche se vive in tutti gli oceani del nostro pianeta, è davvero difficile riuscire a vedere il pesce specchio (Hoplostethus atlanticus) perché il suo habitat è a più di 900 m di profondità. Anche se può sembrare strano che un pesce dalle piccole dimensioni rientri nella classifica degli animali più longevi al mondo, c’è stato un esemplare di pesce specchio che misurava circa 75 cm e pesava intorno ai 7 kg ed è vissuto ben 150 anni.



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome