Bichon frisé, un compagno arzillo ed affascinante!

Grazie alla sua simpatia e socievolezza, il Bichon frisé è una razza di cane che riesce a conquistare in un attimo qualsiasi amante di animali a quattro zampe. Vediamo insieme le caratteristiche ed i consigli per prendersi cura di questo cagnolino dalle origini molto antiche.

Bichon frisé, un batuffolo di cotone a quattro zampe!

Questo simpatico cane, il Bichon frisé, ha un caratteristico pelo bianco tinta unita, morbido grazie ai suoi riccioli, che può arrivare fino a 10 cm di lunghezza. E proprio i suoi ricci danno il nome alla razza: Bichon frisé, ovvero, “cane da salotto dal pelo riccio“. Altre caratteristiche di questo cane sono:

  • orecchie pendenti coperte dai riccioli,
  • sguardo chiuso,
  • coda inarcata sul dorso,
  • peso massimo di 6 kg,
  • altezza massima di 30 cm.
Bichon frisé
Bichon frisé, un batuffolo di cotone a quattro zampe! (free photos by pixabay.com)

Bichon frisé, una razza dalle origini antiche

Le origini di questa razza risiedono nelle isole Canarie e, da Tenerife, giunsero nel continente europeo nel XIV secolo e, agli inizi del XVI secolo, fecero il loro ingresso nelle dimore dei nobili francesi, dove spesso venivano profumati e agghindati dalle dame. Negli anni 30 divennero popolari in Francia e Belgio e nel 1933 la razza venne ufficialmente riconosciuta. Oggi il Bichon Frisé è molto in voga negli Stati Uniti e spesso lo si può vedere ornato!
Oltre al Frisé, esistono altre quattro razze della famiglia Bichon:

  • Maltese,
  • Bolognese,
  • Havanese
  • Piccolo cane leone.

Bichon Frisé, comportamento e salute

ll Bichon frisé è senza ombra di dubbio un perfetto cane da compagnia. Amante delle coccole è un cane arzillo e socievole e grazie alla sua allegria è in grado di emanare buonumore, contagiando l’ambiente che lo circonda. In un sondaggio è risultato essere tra i primi posti per il comportamento verso i bambini ed anche un cane facile da educare e addestrare.

Questa tipologia di cane normalmente non presenta patologie particolari. Potrebbe essere maggiormente soggetto a lacrimazione che potrebbe sporcare il pelo di marroncino. Essendo una razza di costituzione robusta, un Bichon ben nutrito e ben curato può vivere fino a 15 anni.

Cura ed alimentazione del Bichon Frisé

Le cure più impegnative da dedicare al Bichon frisé riguardano la toelettatura del pelo che, insieme al bagno e alla pettinatura, devono essere eseguiti regolarmente. La pelliccia ha bisogno di essere curata almeno 4/5 volte l’anno in centri specializzati. Altrettanto importante per la salute del cane è l’igiene delle orecchie. Il pelo che le copre deve essere sempre pulito, così come gli occhi che devono essere detersi quotidianamente. Come per tutte le altre razze di cani, occorre provvedere alla pulizia dei denti, possibilmente con l’aiuto di un veterinario.

Per quanto riguarda la scelta del cibo, si consiglia di inserire un’alta percentuale di carne sia nel cibo secco che in quello umido. Nella lista degli ingredienti, la carne dovrebbe essere al primo posto e le proteine dovrebbero costituire il 30 per cento dell’alimentazione. Se l’alimentazione del tuo cane prevede soltanto il consumo di cibo secco, assicurati che beva abbastanza acqua. Esistono cibi appositamente pensati per i Bichon frisé che pesano fino a 6 kg, costituiti da crocchette della giusta dimensione e consistenza.


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome