Si sa che nel periodo natalizio le quantità di dolci presenti in casa si quadruplicano, pandori, panettoni, dolci tipici e soprattutto tanta cioccolata! Questo generalmente però porta anche un aumento delle probabilità di portare il vostro cane dal veterinario a causa dell’avvelenamento da cioccolato nel periodo natalizio rispetto a qualsiasi altro periodo non festivo (secondo un nuovo studio). Per questo i veterinari raccomandano sempre di fare molta attenzione e di non dare cioccolato ai cani, anche se lui vi guarderà con occhioni supplicanti, e soprattutto di non lasciarlo in giro per casa a portata di zampa!

Attenzione: a Natale niente cioccolato ai cani

Sia i cani che i gatti possono correre il rischio di essere avvelenati dal cioccolato, che contiene un composto simile alla caffeina chiamato teobromina. Sebbene la teobromina sia innocua per gli esseri umani, i cani non riescono a metabolizzare la sostanza velocemente e questa finisce per accumularsi nel corpo a livelli tossici. Anche piccole quantità di cioccolato possono causare problemi, tra cui vomito e diarrea.

cioccolato ai cani
(Jakob Owens by unsplash.com)

Il problema con il cioccolato è che i cani lo adorano (i gatti sono in genere disinteressati perché non riescono a percepire i sapori dolci). Quindi sarebbero capaci di divorarsi chili e chili di cioccolato senza batter ciglio, per questo le feste natalizie sono molto pericolose per loro. Le tentazioni sono sempre dietro l’angolo e diventa difficile resistere.

Più probabilità di avvelenamento da cioccolata a Natale

I ricercatori dell‘Istituto di Scienze Veterinarie dell’Università di Liverpool hanno studiato i record dal 2012 al 2017 forniti da 230 studi veterinari in tutto il Regno Unito. Si sono concentrati specificatamente sulle visite correlate all’intossicazione da cioccolata, riscontrando 386 casi simili che riguardavano 375 cani.

Nessuna particolare razza sembra essere più vulnerabile all’avvelenamento da cioccolata di altre. I sintomi più comuni erano vomito, aumento della frequenza cardiaca, agitazione e irrequietezza, così i ricercatori hanno scritto sulla rivista Vet Record.

Il team ha scoperto che intorno a Pasqua i cani avevano il doppio delle probabilità di avere un’esposizione al cioccolato rispetto alle non vacanze. Nel periodo natalizio, i canini erano quattro volte più esposti alla possibilità di un’intossicazione da cioccolato.

Quando un veterinario riceve un cane esposto al cioccolato, il solito corso d’azione è somministrare farmaci che inducano vomito per far uscire il cioccolato dallo stomaco. A volte, la somministrazione di carbone attivo per bloccare l’assorbimento di teobromina nel corpo può essere tutto ciò che è necessario. Sono inoltre comuni i trattamenti di supporto come la fluidoterapia endovenosa per aiutare a stabilizzare il cane e promuovere l’escrezione di teobromina.

Se noti comportamenti sospetti nel tuo cane accompagnati da numerose carte di cioccolato vuote in giro per la casa, si raccomanda di chiamare immediatamente il veterinario. Preferibilmente, dovresti offrire al veterinario una descrizione del tipo di cioccolato mangiato dal cane. Questo può avere importanza dal momento che il cioccolato al latte ha meno teobromina rispetto al cioccolato fondente, ad esempio.

Leggi anche: Addestramento del cane: metodo Clicker training e richiamo e ricompensa


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.